22° concorso dell'Unione europea
per giovani scienziati

Premessa
Chi può partecipare al concorso?
I premi
Qual è la ricetta per un progetto vincente?
Destinatari
Giuria

Criteri per la valutazione dei progetti
Elementi di successo di un progetto
Bando del concorso 2010
Modulo di partecipazione (da spedire entro il 26 febbraio 2010)
Edizioni precedenti

Selezione italiana
18/20 aprile 2010
Centro congressi Fast, Milano

Esposizione dei progetti finalisti e premiazione
Programma    Scheda di iscrizione
I finalisti e la sintesi dei progetti selezionati

 
 
 

Premessa
I giovani e le scienze, iniziativa organizzata dalla Fast, è la selezione italiana autorizzata dalla Commissione europea per poter partecipare al concorso dell'Unione europea per giovani scienziati (European Union Contest for Young Scientists). L'evento voluto da Commissione, Consiglio e Parlamento europei, intende promuovere la cooperazione e l'interscambio tra gli studenti. E' la vetrina annuale delle migliori scoperte scientifiche da parte di ragazze e ragazzi che hanno così l'opportunità di confrontarsi con colleghi con simili interessi ed attitudini. Attraverso la manifestazione, la Commissione cerca di valorizzare gli sforzi fatti in tutti i paesi che partecipano alla gara, ed invogliare i giovani ad intraprendere le carriere scientifiche. L'iniziativa è parte del programma Scienza e società, gestito dalla Direzione generale Ricerca della Commissione europea e orientato a costruire un rapporto più armonioso tra sforzo scientifico e società in generale.
Chi può partecipare al concorso?
Solo i giovani che vengono selezionati dalle rispettive giurie nazionali. In ogni paese il National organizer è responsabile della scelta dei progetti e dei partecipanti alla finale comunitaria. I lavori possono essere elaborati sia da singoli che da gruppi di non più di 3 ragazzi.
I premi
Gli studenti, giudicati in base al lavoro scritto,all'allestimento dello stand e tramite interviste con la giuria, concorrono per 9 riconoscimenti principali: 3 primi premi da 7000 euro ciascuno, 3 secondi da 3000 euro e 3 terzi da 1500 euro. Ci sono altre rilevanti opportunità, quali soggiorni studio o inviti ad iniziative di qualità come la cerimonia per il conferimento dei premi Nobel a Stoccolma.
Qual è la ricetta per un progetto vincente?
Eccola. "Scegli un argomento che ti interessa (l'idea deve essere originale, naturalmente); aggiungi un po' di curiosità e conoscenza tecnica; un tocco di perseveranza e caparbietà; qualche consiglio da parte di esperti; un pizzico di ingenuità, critica ed entusiasmo; spirito intraprendente in abbondanza; ma l'ingrediente principale è la parte migliore della tua immaginazione". Contribuirai al progresso scientifico e tecnologico, e ti darà anche personale gratificazione. Ci sarà pure rischio di insuccesso, ma le difficoltà verranno presto superate, se ti domanderai quali sono state le cause.
Quindi, qual è un progetto vincente? Essere scelti dalla giuria non è il fatto più rilevante. La cosa più importante arriva alla fine della giornata: quel personale senso di orgoglio nell'aver superato difficoltà enormi nello sviluppare un'idea originale e aver dato il massimo per migliorare te stesso e la tua conoscenza, e per aver contribuito al bene della comunità.

 La selezione italiana per il concorso dell'Unione europea

Destinatari
Il concorso è riservato agli studenti italiani, in gruppi di non più di tre persone o singoli, con più di 14 anni il 1° settembre e meno di 21 anni al 30 settembre nell'anno di svolgimento, che frequentano le scuole medie superiori o il primo anno di università. È necessaria la conoscenza dell’inglese. I vincitori delle precedenti edizioni non possono partecipare all’iniziativa.
Giuria
La giuria italiana è composta da un Presidente e da almeno 9 commissari appartenenti alle associazioni tecniche, all'Università o al mondo dell'industria; essi rappresentano le diverse discipline della manifestazione. 
I Premi
I riconoscimenti che si possono ottenere partecipando con un progetto al concorso "I giovani e le scienze" sono molti, stimolanti e orientati agli interessi degli studenti. Di seguito vengono elencate le principali opportunità previste dalle ultime edizioni. I costi di viaggio e soggiorno sono sostenuti da Fast. Si consiglia comunque di controllare sempre il bando, che è lo strumento che riporta gli eventuali aggiornamenti che possono essere apportati in seguito.

Elenco premi: (clicca sui titoli)

1) Partecipazione a "I giovani e le scienze"

2)
Partecipazione al "Concorso dell'Unione europea per giovani scienziati"

3) Settimana internazionale scienza natura. Zurigo e Alpi svizzere, luglio

4)
Forum internazionale giovanile della scienza di Londra (London International Youth Science Forum)

5)
Premio internazionale Giovani e acqua di Stoccolma (Stockholm Junior Water Prize)


6)
Fiera internazionale della scienza e dell’ingegneria

7)
Partecipazione all’evento annuale, europeo o internazionale, di Milset

8)
Premio CusMi Bio: una settimana da ricercatore

9) Diventa un astronomo con l'osservatorio astronomico di Asiago dell'Università di Padova

10) Attestati di merito di accademie ed associazioni scientifiche nazionali ed internazionali

11)
Il premio per gli insegnanti

1. Partecipazione a "I giovani e le scienze"
www.fast.mi.it
Tra tutti i lavori inviati alla Fast nel rispetto delle regole del concorso, la giuria sceglie, sulla base del solo documento cartaceo, almeno 20 progetti finalisti. I vari autori sono invitati a Milano per 3 giorni da domenica a martedì; generalmente in aprile.
Gli studenti devono allestire con poster, foto e audiovisivi i propri stand preassegnati che hanno le seguenti dimensioni: tavolo di appoggio di cm. 97x200, parete con base di cm. 200 e altezza cm. 150.
Dalle 14,00 della domenica iniziano le interviste della giuria; sono possibili supplementi di valutazione anche lunedì mattina.
La rassegna può essere visitata da scuole e pubblico per tutta la giornata del lunedì e la mattinata del martedì.
Martedì viene organizzata la cerimonia di premiazione dalle 11 alle 13,00.
Nel pomeriggio i giovani recuperano il proprio materiale esposto negli stand e fanno ritorno a casa.
Solo tra i progetti finalisti di Milano vengono selezionati i vincitori del concorso I giovani e le scienze e quanti rappresenteranno l'Italia agli altri importanti appuntamenti internazionali riservati agli studenti eccellenti.

2. Partecipazione al "Concorso dell'Unione europea per giovani scienziati" 
(European Union Contest for Young Scientists)....vai al sito
E' il più importante evento europeo riservato agli studenti dai 14 ai 20 anni compiuti. E' voluto da tutte le istituzioni europee: Commissione, Consiglio e Parlamento ed ha l'approvazione degli stati dell'Unione, coinvolgendo anche altri paesi.
Si svolge annualmente in settembre in una città europea a rotazione. E' stato ospitato in Italia, a Milano, nel 1997 in occasione del centenario della Fast.
La finale europea è la conclusione degli sforzi avviati un anno prima dai diversi organizzatori nazionali che selezionano i rispettivi rappresentanti. L'Italia può inviare fino a tre progetti per un totale di 6 ragazze e ragazzi.

3. Settimana internazionale scienza natura. Zurigo e Alpi svizzere, luglio
www.sjf.ch
L'appuntamento è a Zurigo dove si trascorre il fine settimana. Il lunedì si parte in treno per trascorrere cinque indimenticabili giornate in mezzo alla incontaminata natura delle Alpi svizzere a oltre 2000 metri di altezza. I giovani approfondiscono le loro ricerche; si confrontano con i colleghi di altri paesi; si cimentano con l'ambiente. E' una vita sana di rifugio montano (sacco a pelo) e di escursioni irripetibili.

4. Forum internazionale giovanile della scienza di Londra (London International Youth Science Forum). Londra, luglio-agosto
www.liysf.org.uk
Con un'esperienza consolidata di oltre cinquant' anni, il Forum raggruppa annualmente circa 300 ragazzi da più di sessanta paesi dei cinque continenti.
Più che un concorso vuole caratterizzarsi come punto di riferimento e aggregazione per gli studenti che desiderano conoscere i più recenti progressi della ricerca e della scienza. Infatti vengono organizzate visite a prestigiosi laboratori universitari, compresi Oxford, Cambridge, l'Imperial College e l'University College di Londra, ma pure ad infrastrutture di ricerca industriali, come anche al Museo della scienza e a quello di Storia naturale. Si tengono conferenze e dissertazioni da parte di scienziati; sono previsti seminari con dibattito sulle principali tematiche scientifiche d'interesse mondiale.
Ma anche i giovani possono presentare i loro lavori ed hanno la possibilità di discutere e socializzare, grazie a molti eventi d'aggregazione in programma.
Due settimane intense, durante le quali i fortunati partecipanti rivivono l'atmosfera di una comunità internazionale, insediata nel cuore di Londra. Si scambiano idee ed esperienze nei settori scientifici, accrescendo il proprio interesse per la ricerca e l'innovazione.

5. Premio internazionale Giovani e acqua di Stoccolma. (Stockholm Junior Water Prize) Stoccolma, agosto
www.siwi.org
Istituito dalla Fondazione per l'acqua di Stoccolma nel 1994 come complemento del più noto Premio mondiale sullo stesso tema, dopo due anni di gestione su scala svedese, questo evento acquista dimensione internazionale dal 1997. Intende valorizzare i giovani scienziati che elaborano progetti per migliorare gli utilizzi dell'acqua con particolare attenzione alla sua conservazione, protezione e gestione.
La giuria tende a privilegiare i contributi con un buon approccio alla ricerca, che si avvalgono di metodiche scientificamente condivise per l'esame, la sperimentazione, il monitoraggio, la sintesi dei risultati, anche con analisi statistiche. I partecipanti si confrontano con lavori concreti nel campo delle tecnologie, delle scienze naturali e sociali; generalmente i contributi impiegano sistemi e approcci innovativi per risolvere il grande problema dell'acqua.
Oltre alla possibilità di vincere il primo premio di $ 5.000 e altri riconoscimenti, nella settimana della manifestazione si visita Stoccolma, si partecipa al banchetto con il re di Svezia nella sala d'oro del Municipio della città, dove cenano i premi Nobel.

6. Fiera internazionale della scienza e dell’ingegneria. Stati Uniti, maggio
www.societyforscience.org
I numeri parlano da soli:
- più di 60 edizioni,
- 1.500 studenti delle scuole superiori attenti al meglio della tecnologia e della scienza provenienti da tutti gli Stati Uniti e da 40 paesi del mondo,
- 1.200 esperti della giuria, un panel di premi Nobel;
- un esercito di 400 volontari per garantire la migliore accoglienza, eventi sociali, opportunità di fare turismo scientifico di qualità presso università, imprese e centri di ricerca;
- 5.000 entusiasti visitatori per celebrare le recenti scoperte dei giovani leader di domani, l’impatto economico sulla città prescelta di oltre 10 milioni di dollari. Questi dati fanno di Isef - International Science and Engineering Fair, il più grande evento competitivo riservato agli studenti delle scuole superiori; permettendo ai giovani di conoscersi e di accrescere il loro interesse per l’innovazione sotto il motto “Vincere con la scienza”.
La rassegna è sponsorizzata dalla Fondazione Intel e si svolge ogni anno nel mese di maggio a rotazione nelle principali città degli Stati Uniti. L’Italia è presente a questo straordinario evento con degli studenti selezionati dalla Fast e vincitori del concorso “I giovani e le scienze”. Anche gli italiani possono concorrere per borse di studio, viaggi studio, premi in denaro, tra cui il gran premio di $ 50.000. Il monte premi totale è di oltre $ 3 milioni.

 7. Partecipazione all’evento annuale di Milset
www.milset.org
Milset è un’organizzazione non governativa, senza fine di lucro e politicamente indipendente che ha lo scopo di promuovere la cultura scientifica nei giovani tramite l’organizzazione di programmi tencico-scientifici, tra cui esposizioni e sperimentazioni di alta qualità.
Negli anni dispari si tengono i grandi appuntamenti mondiali; in quelli pari si svolgono le rassegne continentali. Tutti gli anni hanno luogo eventi organizzati in specifiche aree geografiche. Il comune denominatore è consentire ai giovani di stare insieme per il piacere della scienza e della tecnologia.
Fast sceglie di anno in anno le più rappresentative opportunità per i giovani scienziati italiani da inviare a questi appuntamenti ‘unici’ per la loro specificità.


8. Premio CusMi Bio: una settimana da ricercatore
www.cusmibio.unimi.it
Gli studenti che presentano lavori con un buon impiego di tecniche e metodiche di laboratorio, hanno la possibilità di vivere una settimana da ricercatore in uno degli istituti selezionati dal Centro Università-scuola per la diffusione delle bioscienze presso l'Università degli studi di Milano.

9. Diventa un astronomo con l'osservatorio astronomico di Asiago dell'Università di Padova
Chi ama l'astronomia può trascorrere una settimana sull'altipiano di Asiago e partecipare all'attività scientifica dell'Osservatorio Astronomico dell'Università di Padova.

10. Attestati di merito di accademie ed associazioni scientifiche nazionali ed internazionali
I programmi di collaborazione internazionale e il prestigio ormai acquisito dal concorso I giovani e le scienze consentono di avvantaggiarsi di buone relazioni con importanti organizzazioni quali American Meteorological Society, ASM International Foundation, Association for Women Geoscientists, Herbert Hoover Presidential Library Association, Intel Excellence in Computer Science, International Society for Optical Engineering, MU Alpha Theta, Ricoh, Yale Science and Engineering Association...
E' facoltà della giuria italiana poter conferire questi "Awards" ai progetti che rispondono alle caratteristiche dei singoli bandi.
Altri riconoscimenti vengono assegnati da organizzazioni federate alla Fast.

11. Il premio per gli insegnanti
La Fast apprezza moltissimo il grande contributo che gli insegnanti danno al concorso con il loro lavoro di informazione, sensibilizzazione, supporto agli studenti che preparano e inviano i progetti.
La Federazione vuole dimostrare concretamente la propria riconoscenza con un premio riservato proprio ai docenti: un viaggio per partecipare ad una settimana scientifica, estratto a sorte tra i professori segnalati dai ragazzi e tra quanti partecipano alla cerimonia finale del martedì prestabilito di aprile a Milano.


Criteri per la valutazione dei progetti
Originalità dell'idea e/o del tema trattato; creatività scientifica; rilevanza scientifica e possibili applicazioni del progetto; appropriato uso di metodi scientifici e sistematicità nell'approccio al problema; completezza nella trattazione dello studio; chiarezza nell'interpretazione dei risultati; qualità della relazione scritta e della presentazione visiva (stand); conoscenze di base legate al progetto; capacità di discutere il progetto con i membri della giuria.

Come preparare un progetto

Scegli il tuo argomento
Per farti una idea di ciò che vuoi studiare, sii curioso e osserva attentamente. Le idee possono nascere da hobbies, dalla tua vita quotidiana, da ciò che ti circonda. Quando scegli il progetto, poni particolare attenzione a come esso può migliorare il mondo e i suoi abitanti. Ricorda infatti che la ricerca è il processo attraverso cui gli scienziati producono nuove conoscenze, rispondono a domande o risolvono problemi relativi all'uomo e al sistema che lo circonda.
Limitati e concentrati su una o due domande
Le domande sono probabilmente la parte più importante della creatività scientifica e spesso sono seguite da asserzioni "se... quindi". Le domande conducono ad esperimenti o ad osservazioni.
Analizza lo stato dell’arte
Vai in biblioteca, utilizza internet, parla con esperti, richiedi informazioni via e-mail per apprendere tutto ciò che si conosce sul tuo problema. Raggruppa tutte le informazioni. Osserva eventi correlati. Cerca risultati inaspettati o non spiegati.
Organizza i dati raccolti
A questo punto puoi focalizzarti su una particolare idea da sviluppare e formulare un’ipotesi.
Prepara un piano di fattibilità
Definisci le fasi del tuo progetto e per ognuna di esse individua gli obiettivi specifici, i risultati attesi, le procedure che adotterai, i tempi, le risorse, i collaboratori.
Pianifica i tuoi esperimenti
Scrivi un piano di lavoro per spiegare come vuoi condurre i tuoi esperimenti e con che mezzi; identifica cioè materiali e metodi che utilizzerai nella tua ricerca.
Consulta gli esperti
Coinvolgi nella realizzazione del tuo progetto esperti del settore e docenti; discuti con loro il piano di lavoro.
Conduci i tuoi esperimenti
Raccogli il maggior numero possibile di dati, solo in questo modo potrai verificare la validità della tua ipotesi. Prendi note dettagliate di ciascun esperimento, dato, misura e osservazione. Non basarti sulla memoria! Ricordati di cambiare solo una variabile per volta e assicurati di avere un controllo di riferimento in cui nessuna delle variabili cambi. I gruppi sperimentali e di controllo per essere statisticamente validi devono comprendere almeno cinque-sei soggetti; assicurati quindi che i tuoi gruppi siano sufficientemente grandi.
Esamina i tuoi risultati
Organizza e analizza statisticamente i tuoi dati, utilizzando i test statistici appositi. Ecco alcune domande che ti possono essere utili in questa fase: hai ottenuto i risultati attesi? Se sì, perchè? Se no, perchè? Il tuo esperimento è stato condotto con le stesse modalità ogni volta? Ci sono altre spiegazioni che non hai preso in considerazione o fatti che non hai osservato? Quali errori puoi aver commesso nell’osservare e nel raccogliere i dati? Come possono essere corretti?
Raccogli le conclusioni
Ancora alcune domande che ti possono essere utili: quali variabili sono importanti? Hai raccolto sufficienti dati? Hai bisogno di fare ulteriori esperimenti? Non alterare mai i risultati per farli adattare alla tua ipotesi. Ricordati che un esperimento è fatto per provare o falsificare un’ipotesi. 
Progetti ingegneristici
Mentre gli scienziati cercano di capire come funziona il mondo, gli ingegneri creano strutture nuove. Se hai scelto un progetto ingegneristico, ricordati che esso si propone la realizzazione di apparecchi, si basa su un processo di sviluppo e valuta i miglioramenti ottenuti. Pertanto oltre alle indicazioni generali, definisci il bisogno che intendi soddisfare, prepara i disegni preliminari, costruisci e testa un prototipo. Cerca di migliorare il prototipo, ridisegnandolo correggendone gli errori.

Elementi di successo di un progetto

Progetto
Il progetto non deve superare le 10 pagine formato A4, redatto con carattere Times New Roman 12, più eventuali grafici e illustrazioni per ulteriori 10 pagine.
Un buon progetto scritto si compone delle seguenti parti:
a) titolo del progetto, nome dell’autore/i, indirizzo, scuola o istituzione dove è stata condotta la ricerca, docente di riferimento
b) indice dei contenuti: indica il numero di pagina per l’inizio di ciascuna sezione 
c) introduzione: l’introduzione spiega come è nato il tuo progetto, le tue ipotesi, un'illustrazione di ciò che intendi raggiungere con la tua ricerca
d) esperimenti: esponi la metodologia usata per ottenere i dati o le tue osservazioni. Questa descrizione deve essere chiara e dettagliata. Accludi fotografie, disegni, grafici tabelle, ecc. 
e) discussione: è la parte essenziale della tua ricerca. Elenca i risultati e le conclusioni che devono derivare logicamente dai dati sperimentali. Sii chiaro e completo così da permettere ai giudici di capire esattamente il tuo percorso di ricerca. Paragona i risultati con i valori teorici, con i dati pubblicati, con i risultati attesi e con i convincimenti comuni. Includi una discussione sui possibili errori. Ecco alcune domande su questo punto: come sono variati i dati tra esperimenti ripetuti? Come i tuoi risultati sono stati influenzati da eventi incontrollabili? Cosa faresti di diverso se dovessi ripetere questi esperimenti? Quali altri esperimenti dovrebbero essere attuati?
f) conclusioni: riassumi brevemente i tuoi risultati. Sii specifico, non generico. Indica le possibili applicazioni e gli sviluppi del tuo progetto
g) ringraziamenti: ringrazia chi ti ha assistito, persone, enti, istituzioni di ricerca
h) bibliografia: essa può comprendere libri, articoli scientifici, articoli di stampa ecc.
Sintesi in inglese
Il riassunto del tuo lavoro redatto in inglese non deve essere più lungo di un foglio A4 e deve comprendere:
a) titolo del progetto, nome dell’autore/i, docente di riferimento, indirizzo, scuola o istituzione dove è stata condotto
b) sintetico background del progetto (ciò che già si conosce sul problema)
c) obiettivi chiari del tuo studio e formulazione delle tue ipotesi 
d) breve descrizione delle procedure usate e motivazione della loro scelta
e) elenco dei principali risultati del tuo studio, illustrati con una/due figure, diagrammi, tabelle o illustrazioni
f) le conclusioni del tuo lavoro.

Buon lavoro e buona fortuna!