La via italiana allidrogeno

The Italian Hydrogen Way

Convegno, Marte 14 Giugno 2011
Co
nference, June 14, 2011

Programma

Presentazione
La questione energetica si conferma prioritaria per l’Europa e per il mondo intero. Non esiste un’unica soluzione al problema; tutte le fonti, i vettori e le tecnologie collegate, pur tra entusiasmi o ridimensionamenti legati a fattori contingenti, vanno tenuti in grande considerazione perché possono contribuire, anche se con pesi diversi, a garantire l’offerta continuativa e sicura di energia. Al vettore idrogeno e alle tecnologie connesse, in particolare alle celle a combustibile, è riconosciuto un ruolo importante nel futuro energetico dell’Europa. E l’Italia non può sfuggire a questa logica; perciò deve definire al più presto la sua strada per approfittare dei programmi comunitari e competere con i concorrenti.
Il convegno, partendo da quanto hanno già realizzato e stanno facendo l’Unione europea e un paese all’avanguardia come la Germania, vuole richiamare l’attenzione sulla situazione di questo importante comparto nel
nostro paese
.
E’ convinzione di H2It che, nonostante l’assenza di programmi nazionali e l’altalena delle iniziative regionali, esistano competenze importanti anche nei centri di ricerca e significative professionalità nell’industria, lungo tutta la filiera. Lo stato dell’arte e le prospettive di sviluppo delle tecnologie di produzione, distribuzione, stoccaggio e utilizzo dell’idrogeno vengono illustrati da esperti che vivono sul campo tale esperienza.
Durante la manifestazione viene presentata l’indagine preliminare di H2It sulla realtà della ricerca e dello sviluppo tecnologico dell’idrogeno in Italia.
The energy supply question is becoming more urgent for Europe and the world in general. As there is not one overall solution, several energy sources, energy carriers and energy technologies have to be (re)considered to ensure a continuous and secure energy supply. Hydrogen as an energy carrier and hydrogen applications, as fuel cells, are considered to play an important role in Europe’s energy and transport future. Italy cannot afford to stay behind and will need to define as soon as possible a national action plan to take advantage of current EU financing programs to be able to compete with competitors.
This conference, presenting what is already happening in the EU and in Germany as the most advanced country in Europe, would like to call for more attention to Italy’s expertise in this sector. The Italian Hydrogen and Fuel Cell Association H2IT is convinced that, even in the absence of national programs and regional strategies, Italian industrial and scientific competence throughout the hydrogen and fuel cell value chain is significant. Italian state of the art and future perspectives by experts in the field of hydrogen production, distribution, storage and applications, as well as the results of the H2IT survey on Italian R&D, will be presented..
 

Relazioni  

Stato attuale della normativa sull’idrogeno per autotrazione
Aldo Bassi – S.IN.TE.S.I. AB S.r.l., Vice-Presidente Consorzio H2IT

Distribuzione e stoccaggio dell'idrogeno
Rosario Cantelli, Università di Roma

Values, frames and the public acceptance of hydrogen technology: a qualitative study.
Olga Di Ruggero,
Delft University of Technology, Delft, the Netherlands

Mobile Hybrid Power Sources
Giovanni Dotelli, Genport

Mappatura dei portatori di interesse industriali del settore dell’idrogeno e delle celle a combustibile in Italia
Camilla Facheris, Università Bocconi, H2It

Fuel cells and hydrogen. Joint undertaking. Public information session on 2011 call
New Energy World

La via italiana all'idrogeno - H2It - Un percorso avviato
Lucio Gallo, Presidente H2It

Hydrogen distribution and storage technology: state of art and future
Luana Grimolizzi, Sapio

Refining and marketing
Eni

Hydrogen technology development in Germany: The NIP programme
Kai Klinder, Nationale Organisation Wasserstoff und Brennstoffzellentechologie

Positioning of Italy in the world vision for Hydrogen and Fuel Cells
Angelo Moreno, ENEA

Indicazioni per la Nuova Piattaforma Nazionale Idrogeno e Celle a Combustibile
Riccardo Nava, SOL

Fuel cell Technology
Gian Mario Picciotti, Mes Dea
Censimento delle  attività svolte dalle Università e dai centri di ricerca pubblici italiani
Giovanni Principi, Università di Padova
Fuel cell made simple
Ilaria Rosso, Electro Power System
Tecnologie per le celle a combustibile. presente e futuro. SOFC ricerca
Massimo Santarelli, Politecnico di Torino
Il progetto Chic
Oliver Schneider, ATM Milano
Le applicazioni dell'industria
Ambrogio Tagliabue, Airliquid
Le applicazioni dell'industria
Pietro Tarquini, ENEA