LE TECNOLOGIE DELL’IDROGENO PER LA MOBILITA’ E LO STOCCAGGIO

Iniziativa nell’ambito degli incontri per i Cinquant’anni dell’UGIS
Seminario organizzato d’intesa con ORG - ordine regionale giornalisti della Lombardia
con il patrocinio di H2IT - associazione italiana idrogeno e celle a combustibile



Presentazione

Tutte le fonti e i vettori energetici, pur con apporti e pesi molto diversi, vanno tenuti nella dovuta considerazione per il contributo attuale e potenziale alle soluzioni più adeguate. Anche l’idrogeno e le sue tecnologie stanno acquisendo considerazioni e ruoli crescenti.
In Europa, ma pure in Italia, circolano già autovetture e autobus alimentati da celle a combustibile. L’introduzione di un quadro normativo armonizzato dei servizi di dispacciamento è destinato a rafforzare irreversibilmente il nuovo paradigma energetico, caratterizzato nei prossimi decenni da un insieme di sistemi rinnovabili sempre più distribuiti, con un ruolo significativo per il vettore idrogeno. Il raggiungimento degli obiettivi di Parigi è alla portata di mano!
Non esistono soluzioni miracolose; né ci sono ad oggi tecnologie che hanno più rilevanza di altre. I problemi si affrontano con l’intelligente combinazione di tecnologie e combustibili attuali con gli alternativi. Si prevede una lunga fase di transizione, al termine della quale (2050) la società è totalmente de-carbonizzata: le fonti fossili hanno un ruolo secondario a favore dell'idrogeno, che affianca l'elettricità come vettore energetico. "Cambiare tutto per non cambiare niente".
Sono questi alcuni degli spunti affrontati dai relatori, disponibili al confronto con i partecipanti.


Relazioni:
Luigi Crema Ilaria Rosso Articolo Economia
Paolo Fracas Piano Nazionale Mobilita Idrogeno Air quality in Europe
Angelo Moreno Direttiva CPT